Vitamina D 50.000 unità effetti collaterali

Allergia

La vitamina D è una vitamina solubile in grassi che può essere ottenuta dalla dieta o sintetizzata dalla pelle dopo l’esposizione alla luce solare diretta. Colecalciferolo o D3 e ergocalciferolo o D2 sono due delle forme più comuni di integratori vitamin D. La potenza del colecalciferolo è maggiore se confrontata con l’ergocalciferolo con dosi superiori di colecalciferolo che raramente superano le 5.000 unità internazionali, o UI al giorno. D’altro canto, ergocalciferolo è disponibile a prescrizione come capsule o softgels che contengono 50.000 unità internazionali. L’ergocalciferolo ad alto dosaggio viene spesso utilizzato temporaneamente per sostituire i depositi di vitamina D nei pazienti con carenza e, sebbene generalmente sicuri, possono verificarsi effetti collaterali e gravi reazioni avverse.

ipercalcemia

Anche se rari, alcuni pazienti possono verificarsi una reazione allergica ai supplementi di vitamina D. Ergocalciferolo Le capsule di 50.000 UI spesso includono additivi e coloranti che possono innescare una reazione allergica in una piccola porzione della popolazione. Reazioni allergiche gravi, tra cui orticaria, gonfiore delle labbra, vertigini o difficoltà di respirazione richiedono un’attenzione medica immediata.

Effetti sulla gravidanza e l’infermieristica

Dal momento che il ruolo primario della vitamina D è quello di regolare l’assorbimento del calcio alimentare nel flusso sanguigno, l’integrazione con qualsiasi prodotto vitaminico D può causare livelli eccessivamente elevati di calcio. L’ipercalcemia è stata associata a implicazioni cardiovascolari e alla formazione di calcoli renali. L’ipercalcemia è una condizione grave e i pazienti che assumono supplementi di vitamina D devono avere un controllo di routine del calcio e della vitamina D nel sangue.

Ipervitaminosi D

La vitamina D è una componente importante della dieta ed è necessaria per un corpo sano anche durante i periodi di gravidanza o allattamento. Tuttavia, l’integrazione con ergocalciferolo 50.000 UI può portare ad eccesso di vitamina D e deve essere evitato. Secondo l’ergocalciferolo o Drisdol TM, l’inserto del pacchetto di prodotti, è stato trovato che ipervitaminosi D provoca anomalie fetali negli animali. Ergocalciferolo 50.000 UI è attualmente classificato come categoria C di gravidanza, il che significa che non esistono dati sufficienti sugli effetti sui feti umani, ma gli effetti avversi sono stati osservati negli studi sugli animali. Inoltre, è stato riportato un caso di ipercalcemia in un neonato infermieristico la cui madre è stata data grandi dosi di vitamina D, riportata da LD Goldberg in uno studio pubblicato da “Lancet” nel dicembre 1972.

La tossicità della vitamina D, altrimenti nota come ipervitaminosi D, può portare a compromissione renale, calcificazione del tessuto renale e formazione di calcoli renali. Inoltre, la tossicità può anche portare a compromissione cognitiva. I pazienti che usano l’elevata dose di prescrizione con ergocalciferolo spesso hanno livelli di vitamina D regolarmente controllati dai loro medici. I pazienti devono anche lasciare che il loro medico sapere se hanno intenzione di assumere supplementi vitaminici D.