Problemi di vitamina D e problemi di tiroide

Panoramica

La tiroide è importante nella produzione di vari ormoni, regolando il metabolismo e mantenendo l’equilibrio di calcio. La ghiandola tiroidea si trova su ogni lato del fascio del collo e si compone di due piccoli lobi collegati dal tessuto. Dietro la ghiandola tiroide si trovano quattro ghiandole paratiroide più piccole e insieme le ghiandole lavorano per mantenere l’equilibrio degli ormoni calcitonin e ormone paratiroideo, o PTH. I disturbi delle ghiandole tiroide o paratiroide possono determinare una secrezione di ormoni in eccesso, che altera l’assorbimento di calcio e vitamina D.

Carenza di vitamina D e tiroide

La vitamina D non è direttamente coinvolta nella sintesi o nella secrezione degli ormoni tiroidei. Tuttavia, la vitamina D è significativa nella promozione dell’assorbimento del calcio, che è direttamente legata alla ghiandola tiroidea. Il calcio non è in grado di sintetizzare adeguatamente nel corpo senza la presenza di vitamina D. C’è una correlazione diretta tra le quantità di vitamina D nel tuo corpo e il calcio. Una carenza di vitamina D comporta un minor assorbimento di calcio. Di conseguenza, il basso contenuto di calcio nel sangue provoca una sovrapproduzione dell’ormone paratiroideo, o iperparatiroidismo. I sintomi associati a questo problema della tiroide includono ossa fragili, ossa o dolori articolari e debolezza.

Problemi di ipertiroididi e paratiroidei

La ghiandola pituitaria e la parte ipotalamo del cervello controlla la produzione e la quantità di ormoni tiroidei liberati dalle ghiandole. Disordini autoimmuni o grumi non cancerosi sulla tua tiroide possono segnare il cervello per produrre troppa tiroxina, l’ormone tiroideo primario, con conseguente ipertiroidismo. I sintomi associati a questo problema della tiroide includono perdita di peso improvvisa, ghiandola tiroide ingrandita e stanchezza. In una condizione correlata delle ghiandole paratiroide, la formazione di noduli non cancerogeni e l’infiammazione abbassano i livelli di calcio, con conseguenti livelli insufficienti di vitamina D. La mancanza di vitamina D e livelli di calcio alterati ha un effetto sinergico che determina la carenza di nutrienti e la sovrapproduzione degli ormoni tiroidei e paratiroidi .

Nutrizione e tiroide

I cambiamenti nutrizionali della vostra dieta possono contribuire a ridurre la questione della tiroide relativa alla carenza di vitamina D e al basso contenuto di calcio. Mantenere un adeguato metabolismo del calcio ottenendo sufficiente vitamina D nella vostra dieta attraverso fonti di cibo o esposizione al sole. L’Ufficio di integratori alimentari raccomanda che gli adulti di età superiore ai 19 anni ricevano da 200 a 400 UI di vitamina D ogni giorno. Le fonti alimentari includono la carne di salmone, tonno, fegato di manzo e tuorli d’uovo. Il latte intero, che è tipicamente fortificato con vitamina D, contiene 124 UI per 1 servire. L’esposizione solare diretta tre volte alla settimana per 15 minuti, è un’altra opzione per ottenere la vitamina D, ma questo presenta il rischio di cancro della pelle.