Gli effetti del progesterone sul feto

Panoramica

Il progesterone è un ormone secreto dalle ovaie di una donna che aiuta a regolare l’ovulazione e il sanguinamento mestruale. Questo importante ormone è stato utilizzato anche come integratore per trattare molti sintomi della menopausa. Le donne in gravidanza possono beneficiare di progesterone naturale e supplementi di progesterone possono essere somministrati per proteggere il feto in gravidanze ad alto rischio.

Prevenzione del miscarro

Il progesterone protegge un feto impedendo l’aborto spontaneo. Dopo la concezione, il corpo di una donna segreta maggiori quantità di progesterone, che provoca l’ispessimento della fodera uterina. Questo dà un ambiente favorevole per l’uovo fecondato per implantare e crescere, secondo le Donne che aiutano le donne. Il rilascio di progesterone aiuta anche ad evitare l’eliminazione dell’embrione in via di sviluppo fermando ulteriore ovulazione durante la gravidanza, riferisce l’Associazione delle donne per il progresso della ricerca e dell’istruzione.

Promuove la nutrizione e la salute

Una donna incinta deve mantenere abitudini alimentari sane per costruire nutrienti nel suo corpo per il suo bambino. Il progesterone aiuta ad aumentare l’appetito di una donna durante la gravidanza, incoraggiandola a mangiare di più, che fornirà più nutrienti al feto. Inoltre, il progesterone promuove lo stoccaggio del grasso durante la gravidanza, importante per le vitamine liposolubili come A, E e K per una migliore salute.

Prematurità

La somministrazione di progesterone può ridurre l’incidenza della nascita prematura in alcune situazioni. I neonati nati prima della gravidanza di 37 settimane sono considerati prematuri e sono a rischio per molti problemi di salute diversi, tra cui emorragia cerebrale, itterizia, difficoltà di alimentazione e problemi di respirazione. L’Istituto nazionale per la salute dei bambini e lo sviluppo umano afferma che la somministrazione di progesterone alle donne che iniziano durante le 16 e 20 settimane di gravidanza può contribuire a ridurre il lavoro prematuro. La somministrazione di progesterone è vantaggiosa per le donne che hanno precedentemente avuto un bambino precoce, poiché presentano un rischio maggiore per sviluppare il travaglio prematuro e le successive gravidanze.